martedì 18 aprile 2017

Grazie al legno, posti di lavoro e benefici per il clima

Usare il legno è la scelta migliore per mitigare gli effetti delle emissioni di CO2 sui cambiamenti climatici.


In che modo l’industria del legno contribuisce al benessere del clima del nostro pianeta? Grazie alla capacità di immagazzinare carbonio e sostituendo materiali non rinnovabili.

La produzione e la lavorazione del legno ha una così alta efficienza energetica che i prodotti realizzati hanno un bassissimo impatto dal punto di vista delle emissioni di carbonio. Li possiamo quindi definire ecologici.

Il rapporto tra impiego di legno e riduzione di emissioni.


Risultato delle lavorazioni dell’industria del legno sono i cosiddetti Harvested Wood Products (HWPs) cioè i prodotti realizzati con materiali a base di legno provenienti da foreste e impiegati per la realizzazione di mobili, pallet, compensato, carta e prodotti di carta oppure per l'energia.


Il legno può tranquillamente essere usato per sostituire i materiali non rinnovabili. Nell’edilizia, per esempio, nelle cosiddette Green House Gas (GHG), può contribuire a ridurre le emissioni e l’utilizzo di combustibili fossili, oltre che aumentare la ritenzione di carbonio al suo interno.


> Ti servono pallet di legno per la tua attività? Ecco dove trovare bancali nuovi e usati.


Ogni metro cubo di legno usato negli edifici permette di catturare una tonnellata (!) di CO2. Si ottengono quindi vantaggi significativi nella mitigazione dei cambiamenti climatici. Incoraggiare l’utilizzo di prodotti in legno è per questo motivo auspicabile da parte degli stati membri dell’Unione Europea.

Per fare un altro esempio, un aumento anche solo del 4% della produzione dell’Industria Europea del legno consentirebbe di ridurre la presenza di CO2 nell’atmosfera di 150 milioni di tonnellate (circa il 3% del totale delle emissioni europee). Non solo, si potrebbero creare 80.000 nuovi posti di lavoro e un valore di 2,35 milioni di euro nell’economia del continente.

L’importanza di un’economia circolare.


Per far sì che tutto questo possa diventare realtà, servirebbe un decisa politica di supporto a un tipo di economia bio e di tipo circolare.


Le aziende dell’industria del legno dell’Unione Europea si sono impegnate a rifornirsi di legno proveniente da foreste gestite secondo i principi ecologici, economici, sociali e di sostenibilità. Le foreste europee gestite in modo sostenibile contribuiscono a trattenere e non emettere nell’aria il 9% delle emissioni GHG.


Il ‘sequestro’ di CO2 nelle foreste nel lungo periodo, e così la possibilità di mitigare gli effetti sul cambiamento del clima, può aumentare grazie a una gestione attiva e corretta delle foreste, oltre che da interventi di rimboschimento.


In Europa, il settore del legno dà lavoro a oltre un milione di persone in più di 175.000 aziende, per un fatturato di 125 miliardi di euro l’anno.


> Hai un’azienda? Per il tuo business prediligi packaging in legno. Trovi qui tutti i pallet di legno che fanno al caso tuo.


Ribo Pallets
www.ribopallets.com