mercoledì 21 dicembre 2016

Chi compra pallet: i principali fattori d'acquisto

Una ricerca americana evidenzia i trend di scelta quando si tratta di comprare pallet.

Quanto conta il prezzo nelle decisioni di acquisto dei pallet? Ovviamente per le aziende è il fattore che maggiormente determina la scelta d'acquisto, ma non è il solo. A dirlo è una ricerca promossa dalla rivista americana Modern Materials Handling presso i suoi lettori, tutte aziende che nella loro attività sono abituate a trasportare e spedire merce su pallet.

Cosa interessa oltre al prezzo.

Gli interpellati potevano scegliere tra più di dieci fattori chiave e se il prezzo si è confermato al primo posto (61%), altre caratteristiche importanti come resistenza (55%) e durata (54%) del prodotto sono risultate tra quelle fondamentali nella decisioni di acquisto. Un'altra qualità importante dei pallet è stata identificata nella possibilità di riutilizzo (44%).

Tutte gli altre voci indicate nel sondaggio hanno ricevuto meno del 50% dalle aziende che hanno partecipato al sondaggio. Tra questi, il parametro di costo per utilizzo, la possibilità di utilizzo da parte dei clienti e la disponibilità sono, nell'ordine, i successivi fattori di scelta nei risultati della ricerca, con meno del 30% di risposte.

Fa riflettere la posizione, tra gli ultimi della classifica, del fattore 'riciclabilità', con il 17% delle risposte in ordine d'importanza. Parliamo del contesto americano e qui sembra confermato il lugo comune della scarsa sensibilità delle aziende a stelle e strisce verso i problemi ambientali in favore della produttiva. Quando è il momento di comprare, però, i pallet riciclati o usati sono preferiti (54% delle risposte) rispetto ai pallet nuovi.

> Dove comprare pallet usati? Ecco come contenere la spesa in fase di acquisto.

I pallet in legno i preferiti.
Parlando di materiali, nel campo delle spedizioni e del material handling, la ricerca di questa rivista specializzata dice che il 96% dei 286 intervistati usa pallet di legno, un trend in crescita rispetto al 91% dell'anno precedente. Altri materiali utilizzati sono la plastica (37%), il legno composito (15%) e il metallo (5%).



lunedì 12 dicembre 2016

Pallet e riciclo: aumentano gli imballaggi recuperati


Con la generale sofferenza del mercato, nel 2016 è cresciuta la quantità recuperata e riciclata, a tutto a vantaggio dei pallet usati.

Nel 2016, ma anche nel breve e nel medio termine, tra gli investitori ha dominano ancora una generale cautela e questo ovviamente influisce anche su un comparto come quello degli imballaggi in legno. A dirlo è il consuntivo annuale di Rilegno (il Consorzio nazionale per la raccolta, il recupero e il riciclaggio degli imballaggi di legno in Italia), i cui risultati fanno registrare un incremento lieve nella produzione, soprattutto per i pallet non standardizzati (dove comprare pallet di misure non standard). Nel 2015 le tonnellate immesse al consumo erano 2 milioni 672 mila, mentre nel 2016 sono state, secondo il preconsuntivo, 2 milioni 738 mila.


Recuperare imballaggi di legno: trend in crescita.
Della quantità totale, oltre 1 milione 747 mila tonnellate (63,8% del totale dell’immesso al consumo) sono recuperati e destinati prevalentemente al riciclo, con un aumento di 32 mila tonnellate rispetto ai dati di recupero del 2015 (1 milione 715 mila tonnellate).

Per il 2017 si prevede un ulteriore, anche se contenuto, aumento dei rifiuti di legno recuperati, grazie all'incremento e al diffondersi della cultura delle raccolte differenziate un po' in tutto il paese. Questo porterà nel 2017 a un totale di 1 milione 774 mila tonnellate di legno recuperate e riciclate corrispondente al 64% dell’immesso al consumo che nel 2017 si prevede pari a 2 milioni 774 mila tonnellate di imballaggi di legno.

> Come riutilizzare i pallet: ritiro di pallet usati e rotti per ripristinarli e rimetterli in commercio.

I numeri sulle piattaforme di recupero di Rilegno disponibili sul territorio mostrano come nel 2015 l'andamento di copertura territoriale era in calo con 38,5 milioni di abitanti per un totale di 4.272 comuni convenzionati (65% della popolazione italiana).

A fronte del calo registrato, per il 2016 ci si attende invece un nuovo incremento attraverso l’avvio di nuove collaborazioni con comuni ed enti locali. Secondo il preconsuntivo 2016, il numero totale di comuni serviti salirà a 4550, ovvero il 67% dell’intera popolazione. Un leggero aumento è previsto anche per il 2017: l'ipotesi è quella di 4.700 comuni serviti, pari al 68,2% dell'intera popolazione italiana.

Gli obiettivi di Rilegno rimangono comunque quelli di garantire una capacità di ritiro adeguata alla disponibilità di legno locale e di consolidare la presenza in zone con elevata produzione di scarti legnosi e garantendo il presidio in aree geografiche ancora non servite.

> Dove trovare pallet usati? Contribuisci a rispettare e a salvaguardare l’ambiente.

Fonte: Imballaggi & Riciclo
www.ribopallets.com