martedì 7 ottobre 2014

ARCA DEL GUSTO VESTITA DI LEGNO


Dal 23 al 27 ot­tobre si svolgerà a Torino negli spazi espositivi del Lingotto il Salone del Gusto e Terra Madre 2014, la più grande manifestazione in­ternazionale periodica dedicata al cibo in Italia.

I consorzi saranno presenti in un vasto spazio dedicato alla partnership con Slow Food: soprattutto gli imballaggi di legno terranno decisamente banco, come in una pacifica invasione degli spazi espositivi. Saranno infatti sparsi un po' ovunque sia gli imballaggi che tradizionalmente immaginia­mo collegati al cibo e al trasporto, sia le chiusure principe per il vino di qualità, quei tappi di sughero che proprio a Torino si riciclano e che saranno ampiamente consumati nell'importante punto Enoteca, dove le degusta­zioni si susseguono a ritmo serrato sempre all'insegna del 'Buono, pulito e giusto'. Già nell'edizione 2010, e poi anche in quella 2012, pallet e cassette sono state l'elemento dominante degli allestimenti e per contenere gli ali­menti in fiera.

mercoledì 6 agosto 2014

Pallet, perchè riciclare?

I pallets rendono il trasporto più efficiente ed economico perché le merci possono essere spostate velocemente e con meno manodopera. Le organizzazioni che utilizzano pallet in genere hanno costi di trasporto più bassi rispetto a organizzazioni che non li utilizzano. Ma i bancali di legno hanno spesso una vita molto limitata, devono soddisfare alcuni requisiti per continuare ad essere utilizzabili e spesso quando si verifica il danneggiamento sono semplicemente messi da parte.
 
Perchè riciclare conviene? 
Il riciclaggio di pallet può effettivamente essere vantaggioso per le aziende perchè si riducono i costi rispetto all'acquisto di nuovi bancali, inoltre i pallets riciclati si rivelano più forti e rigidi poichè il legno stagionato è più resistente rispetto a bancali utilizzati per la prima volta. Bancali più resistenti significa meno rotture, riduzione di possibili danni ai materiali trasportati ed un rischio minore di infortuni al personale.

Vantaggi del riciclaggio e rispetto ambientale
Il legno riciclato contiene meno acqua rispetto a un pallet nuovo, il che significa meno corrosione e meno muffa. Questo può aumentare sia la vita del pallet che la vita delle merci trasportate. Naturalmente il massimo beneficio dall'utilizzo di legno riciclato è per l'ambiente e l'enorme risparmio di preziose risorse naturali. 
 
Anche i bancali di plastica possono essere riciclati. Con l'ausilio di appositi macchinari si possono trasformare vecchi pallet di scarto in palline di plastica che possono essere utilizzate in attrezzature per parchi giochi, tappetini, accessori o mobili da giardino. 
I costi sono ovviamente più elevati a causa del costo del macchinario, ma il prezzo per l'ambiente è di gran lunga superiore se poi questi pallets scartati finiscono in discarica. 

Riciclaggio creativo 
E se i pallets non si possono riciclare? In realtà se si possiede una mente creativa e uno spirito propositivo ci sono una serie di cose che potete fare.  
Qui ci sono solo alcune idee: 
1. Costruire una recinzione; 
2. Creare una scalinata per la vostra casa sull'albero; 
3. Creare una piattaforma per i vostri vasi di fiori; 
4. Fare una compostiera; 
5. Date sfogo alla vostra creatività...



venerdì 4 luglio 2014

VINITALY: SOSTENIBILITÀ E DESIGN CON IL PALLET RICICLATO


Uno stand sostenibile, verde, interamente in legno, in gran parte ricavato dal riutilizzo creativo dei pallet: ecco il biglietto da visita con cui Tasca D'Al­merita, una delle principali aziende siciliane del vino, si è presentata all'edizione appena trascorsa di Vinitaly. Funzionale, simbolicamente ineccepibile e di grande impatto in quanto a design, l'ecostand della cantina dimostra senza mezzi ter­mini la vocazione 'verde' imboccata da Tasca d'Almerita in questi anni, diretta verso un'enologia consapevole e sostenibile, nel pieno rispetto della secolare sto­ria della famiglia, ambasciatrice nel mondo del Made Of Sicily.

mercoledì 11 giugno 2014

CHIARIMENTI SULLA `AUTORIZZAZIONE FITOSANITARIA'



La legge fitosanitaria nazionale è rappresentata dal Decreto Legislativo 19 agosto 2005 n. 214, oggetto di una recente revisione (Decreto Legi­slativo 9 aprile 2012 n.84) che prevede, per quanto d'interesse al settore dell'imballaggio di legno, l'obbligo da parte di tutti coloro che applicano il marchio di cui all'ISPM n. 15 della FAO, di ottenere l'autorizzazione fito­sanitaria.
In Italia l'Organizzazione Nazionale di Protezione delle Piante (NPPO) è rappresentata dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali che, per l'adozione dello standard ISPM n. 15, ha stabilito di demandare a Soggetti Gestori, ufficialmente riconosciuti, il compito di accreditare e controllare i soggetti autorizzati all'uso del marchio IPPC/FAO, lo specifico marchio da apporre sugli imballaggi in legno che attesta l'effettuazione dei trattamenti fitosanitari previsti dallo standard ISPM n. 15.
Il Ministero ha definito i requisiti per il riconoscimento dei Soggetti Gestori nonché i contenuti minimi delle procedure e delle misure attuative dello standard. 

lunedì 5 maggio 2014

Cresce il riciclo di imballaggi


Negli ultimi anni, la crisi economica che ha colpito il nostro Paese e il sistema produttivo ha portato a un calo del consumo di imballaggi e un calo del volume di riciclaggio. Ma questa situazione stagnante non ha tuttavia permesso di arrestare la raccolta urbana dei rifiuti di imballaggio, che, al contrario, è aumentata di un punto percentuale rispetto al 2011, raggiungendo 3,5 milioni di tonnellate: l' 80% di questo volume è gestito dai Consorzi di filiera dell'imballaggio a fronte degli accordi conclusi dai comuni nell'ambito del ANCI-CONAI. Questo è quanto emerge dal programma generale per la prevenzione e la gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio CONAI 2013, presentato nel corso di una conferenza stampa il 23 luglio alla Camera dei Deputati da parte del Presidente del Consorzio Nazionale Imballaggi. 
Il rapporto mostra che nel 2012 il totale recupero degli imballaggi in acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro è stato pari a

martedì 25 marzo 2014

La diffusione dei nuovi EPAL-EPAL

I rappresentanti dei 15 Comitati Nazionali EPAL, riunitisi ad Amsterdam i lo scorso 26 settembre in occasione del Board dell'Associazione, si sono confrontati circa i risultati della nuova marchiatura EPAL-EPAL, lanciata sul mercato il 1° agosto 2013 a seguito della scissione con la Uic — Unione Internazionale delle Ferrovie. A distanza di alcuni mesi da questo importante cambiamento, si registrano dei risultati estremamente positivi, in quanto il 95% degli oltre 1.600 licenziatari ha firmato il nuovo contratto di licenza, riconfermando fiducia verso il pool EPAL, affidabile oltre i confini.
Ciascun Comitato ha attuato interventi concreti nel proprio Paese per creare punti d'incontro con gli utilizzatori e sostenere il pallet EPAL; grazie a tale collaborazione è stato possibile promuovere il marchio, presenziando con degli Stand importanti alle principali fiere del settore tra cui 'Transport Logistic' in Germania ed il 'Pallet day' in Polonia.

venerdì 7 marzo 2014

Quando i bancali usati sono un bene e quando sono un rifiuto?

I pallets usati sono considerati un rifiuto quando non possono essere riutilizzati direttamente, ma richiedono un trattamento di recupero o anche solo di cernita. Per questo motivo è stato richiesto di rispettare gli obblighi imposti dal D.lgs.152/2006 all'operatore che riceve tali pallets al fine di ripararli e poi rivenderli.
Gli obblighi imposti dal disegno di legge sopra citato sono: